La scomparsa di Ciriaco De Mita: il cordoglio e il ricordo di Corrado Matera

“Ho appreso con grande dolore questa mattina la notizia della scomparsa del Presidente Ciriaco De Mita. L’Italia perde un uomo e un politico di grande spessore, protagonista della storia nazionale degli ultimi decenni”. Lo afferma il Consigliere Regionale Corrado Matera, profondamente legato al Presidente De Mita dal punto di vista politico e umano.

“Il Presidente De Mita -continua Matera- è stato un «maestro» di politica, di vita, di pensiero e di azione. Lo è stato profondamente per me, fin da quando, ancora ragazzo, aderii al Movimento giovanile della Dc e ha continuato a esserlo, come punto di riferimento essenziale, per ogni giorno della mia carriera politica. Il Presidente DeMita è stato un «maestro» per intere generazioni di politici a livello campano e sul piano nazionale. Un uomo che ha unito alla lucida e fertile capacità di «ragionamento» e di «immaginazione del futuro» la più salda e avvertita capacità di stare con i piedi per terra nell’indicare le strade da percorrere nel presente per arrivare a risultati che rappresentassero il bene delle nostre comunità e di quella nazionale. II Presidente De Mita ha sempre messo la sua intensa voglia di ragionare e di riflettere al servizio del bene comune e della sua terra, come l’ha messa al servizio dell’intero Paese quando ha avuto le altissime responsabilità di governo e di partito lungo tutti gli anni Ottanta. È un dolore vibrante, dunque, quello che si può provare oggi di fronte alla sua morte. Un dolore e una nostalgia per la dipartita di un «maestro», ma anche di un amico vero con il quale ho avuto l’onore e il piacere di condividere vita politica e vita privata per molti anni. Nelle tante occasioni di incontro mi colpiva la sua capacità di analisi, la sicurezza con la quale sapeva indicare e definire il percorso politico da seguire. Era una guida autorevole ma allo stesso tempo disponibile al dialogo, capace di coinvolgere tutta la squadra nelle scelte, di far sentire ognuno protagonista di un cammino comune. Per me va via un uomo che mi ha dato infinitamente tanto sul piano umano e su quello della comune militanza politica. Ma scompare anche e soprattutto un protagonista indiscusso della politica nazionale del dopoguerra e un grande meridionalista nel senso ampio e fattivo dell’espressione. Con lui il Mezzogiorno è stato negli anni Ottanta davvero al centro dell’attenzione del Paese come mai prima. È un giorno molto triste per la politica nazionale, per la perdita di un punto di riferimento che ha sicuramente scritto una pagina di storia della Repubblica Italiana”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...